La via sottile

Cosa è la Via Sottile? È mettersi in cammino e prepararsi alla vita.

È avere coraggio di restare in silenzio e accogliere ombre, mostri e pericoli.
È la via che traccia una linea sottile tra la “Realtà”, la Realtà in cui tutto è Uno e questa realtà illusoria, così come la viviamo e conosciamo: il nostro mondo della dualità, della separazione, dei contrasti, degli opposti.
È una via verso la consapevolezza e l’equilibrio, un percorso per imparare ad abbandonare attaccamenti, rabbia, paure ed accogliere la gratitudine, lo stupore, la meraviglia della vita, in ogni momento, in ogni circostanza.

È un invito ad abbandonare la critica e il giudizio e aprire il cuore alla compassione.
La via sottile è la via del sentire, dell’ascolto, dell’attenzione. Va oltre le apparenze, va in profondità, coglie l’essenziale delle cose, della vita.
È la via che parte dall’intuizione.È  oltre la conoscenza, oltre la mente, oltre la comune logica. È invisibile agli occhi, ci appare solo se sappiamo aprire il cuore.

La via sottile è una via in cammino, è sempre in movimento e, allo stesso tempo è sempre lì, stabile.
È la via della vita, propone sempre la stessa cosa, propone la vita, in forme sempre diverse.
È la via che ti porta dove devi andare. Ti invita a uscire dalla via larga e dritta per trovare quella via sconosciuta che ti porta a casa, ti invita a uscire dalla radura dove stai comodo insieme agli altri per entrare nella giungla a cercare di trovare la Tua via.

Entra nella via sottile con delicatezza, scopri il tuo mondo interiore, non permettere che i rumori dall’esterno disturbino il tuo silenzio.